Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

#EBEL: Doppio “poker” del Bolzano

Il Bolzano fa poker 2 volte: 4 vittorie consecutive e 4 le reti (a 0) segnate al Graz 99ers dai giocatori biancorossi e si gode la brevissima pausa natalizia con la certezza di essere tornati una squadra in cui tutti i giocatori danno il 100%: a cominciare da uno strepitoso Pekka Tuokkola (autore di uno shut-out spettacolare) passando per il sempreverde Alexander Egger, il ritrovato Matt Tomassoni (forse uno dei giocatori che più ha beneficiato del cambio del coach) e via via fino al “paisà” Angelo Miceli.

Dopo un inizio abbastanza guardingo, il Bolzano passa quasi subito a condurre: Brock Nixon si vede fischiare 2+2, Angelidis manca la prima grossa opportunità, ma, al minuto 03:51 Angelo Miceli piomba come un falco sul rebound concesso da Toivonen su tiro di Angelidis ed è 1-0 Bolzano.

Il Graz non resta a guardare e, da squadra ostica qual’è, comincia a farsi vedere spesso e volentieri nel terzo difensivo biancorosso, ma le conclusioni degli attaccanti ospiti (su tutti Zierer, Strohmeier e Nixon) s’infrangono contro il muro eretto da Pekka Tuokkola e dalla difesa; gli interventi del portierone 35enne conducono il Bolzano alla prima sirena in vantaggio di una rete.

Passano 70 secondi nella seconda frazione, ed il Bolzano trova la rete del 2-0: Markus Gander (autore di una prestazione positiva) lotta sulla blu di attacco con un difensore avversario per il possesso del disco, se ne impossessa e serve verso il centro per il rimorchio di Luca Frigo che, tutto solo davanti a Toivonen, proprio non può sbagliare: 2-0 e Palaonda in delirio. Gli ospiti cominciano a giocare un hockey piuttosto fisico e ne fa le spese Mike Halmo, uscito malconcio da un “sandwich” fra due avversari. Dopo un periodo di affanno, i padroni di casa ritrovano pericolosità prima con Angelidis che, assistito da Monardo, impegna Toivonen; tocca poi a Sointu sfiorare il tris, ma il goalie avversario compie un intervento prodigioso. Il Bolzano comincia a trovare ampi spazi in contropiede e cerca di approfittarne con Miceli prima (bellissima azione comprensiva di aggiramento della gabbia, ma l’assist non viene raccolto dai compagni) e con Tomassoni poi, ma alla seconda sirena il risultato resta di 2-0.

I Foxes provano a chiudere il discorso nelle fasi iniziali del terzo periodo, ma Frank non arriva su un invitante assist di Mike Halmo, ma un minuto dopo per poco non rischiano il gol-beffa: tiro dalla blu di Laakso che deviato da un biancorosso, per poco non inganna Tuokkola, finendo fuori di un nulla. Le dua squadre si affrontano a viso aperto e le occasioni non mancano: a Oleksuk che chiama Toivonen alla risposta di gambale, risponde Weihager con Tuokkola che blocca il disco. Tra il 44mo ed il 48mo minuto parte un piccolo valzer di penalità: comincia Halmo, prosegue Brophey dopo un minuto e la chiude Woger; proprio su quest’ultima penalità, al minuto 49:00, il Bolzano trova la rete del 3-0: Domenic Monardo tira e Mike Angelidis si fa trovare puntuale per la deviazione in rete.

Nel finale di partita c’è ancora spazio per un paio di occasioni a favore del Graz poi, al 59:54 una combinazione tutta altoatesina, Bernard-Glira-Gander, manda in rete il numero 23 che può mettere così la ciliegina sulla torta di una prestazione di spessore.

Il Bolzano può così festeggiare il Natale con delle certezze in più e dei dubbi in meno, senza dimenticare che, il 28 dicembre, i Foxes saranno ospiti della loro bestia (bianco)nera Dornbirn, prima di tornare sul ghiaccio di casa il giorno 30 per il derby contro l’Innsbruck.

Vero, il Bolzano continua ad essere ultimo, ma la classifica è ancora abbastanza “corta” e la matematica ancora non condanna i biancorossi che, da qui alla fine della regular season, dovranno disputare 13 finali.

Riccardo Giuriato

HCB-G99 4-0 (1-0; 1-0; 2-0): 03:51 Angelo MICELI PP1 (1-0); 21:20 Luca FRIGO (2-0); 49:00 Mike ANGELIDIS PP1 (3-0); 59:54 Markus GANDER (4-0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *