Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

“Basta feccia sui treni”: striscioni di CasaPound lungo la tratta Ala-Brennero

treni10

BOLZANO/TRENTO – Duro attacco di CasaPound Italia che questa notte ha affisso alcuni striscioni lungo la tratta ferroviaria Ala-Brennero dopo i continui episodi di violenza ai danni del personale Trenitalia ad opera di immigrati. Striscioni a Bolzano, Brennero, Vipiteno, Merano, Brunico, Bressanone, Salorno, Ora, Magrè, Cortaccia e in tutto il Trentino.

treni2
“La nostra solidarietà – afferma in nota Matteo Negri di CasaPound Italia Riva – va ai lavoratori ferroviari e ai passeggeri che ogni giorno devono subire aggressioni fisiche e verbali causate da immigrati che pretendono con arroganza di non pagare il biglietto o di fare i loro comodi”.
treni9
“La politica regionale – interviene Filippo Castaldini, responsabile di CasaPound Italia Trento – è sempre attenta quando si parla di accoglienza ma si dimostra ancora una volta assente alle vere problematiche dei trentini e degli altoatesini. Le nostre città, le stazioni, i treni ogni giorno di più diventano teatro di violenze, degrado e loschi traffici, ma per la politica locale la priorità sono sempre i profughi”.
Interviene sulla questione anche il coordinatore regionale Andrea Bonazza di CasaPound Bolzano: “Non possiamo tollerare oltre questa situazione in cui i nostri lavoratori, siano essi personale di Trenitalia o pendolari, si trovano sempre più spesso ostaggio di veri e propri incivili che tutto pretendono senza nulla offrire in cambio. Saranno anche ‘risorse’ per le cooperative o per una politica terzomondista, ma per i nostri concittadini rappresentano soltanto un problema che assume ogni giorno forme sempre più pericolose” conclude la nota.
treni5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *