Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

#EBEL: Bolzano sconfitto dal Linz, ma non domo.

Il Bolzano perde col Linz, viva il Bolzano!

I biancorossi escono sconfitti dal ghiaccio ma a testa altissima, al termine di una partita davvero molto bella (forse la migliore di quelle disputate fino ad ora), ricca di capovolgimenti di fronte e di gol; vero, a far festa sono i Black Wings, ma i Foxes comunque non hanno affatto demeritato, venendo puniti al di là dei propri demeriti e con l’unica pecca di non essere riusciti a trasformare in rete parte dell’enorme massa di occasioni create.

Partita subito frizzante con Schofield (rimpianto ex) che sfiora la traversa e, sul capovolgimento di fronte, DeSousa arriva con un attimo ritardo sull’assist di Halmo. Al 3:58 il Linz passa a condurre grazie a Fabio Hofer che, dopo aver aggirato la gabbia di Tuokkola, lo batte con un diagonale. Prova subito a reagire la squadra guidata da coach Suikkanen, sfiorando il pari prima con un tiro dalla blu di DeSousa, poi con un 2 vs 0 che Miceli spreca sparando addosso a Ouzas anziché servire il liberissimo Sointu. Il Bolzano preme sull’acceleratore alla ricerca del pari prima sfiorandolo con Halmo e DeSousa e poi trovandolo grazie ad Angelidis che si vede recapitare un disco di platino da Michele Marchetti. I biancorossi volano, vanno in superiorità numerica (Locke per trattenuta) e, al 14:59 mettono la freccia con il primo gol in biancorosso di Miceli, servito da Mike Halmo. Prima della sirena, c’è gloria anche per il PK biancorosso (out Angelidis per bastone alto) che consente ai Foxes di andare al primo riposo in vantaggio di una rete.

Nella frazione centrale, il Bolzano non concretizza una superiorità numerica (Spannring per sgambetto) e, al 24:20, viene punito da un veloce contropiede avversario che porta al gol di DaSilva, abile a farsi trovare pronto sul rebound concesso da Tuokkola sul tiro di Hofer.

I Foxes sprecano due superiorità numeriche consecutive (Altmann e Schofield), rischiano di capitolare quando a sedersi nel penalty box è Luca Frigo, ma la difesa biancorossa si difende con le unghie e con i denti. Il powerplay degli ospiti potrebbe colpire quando prima DeSousa e, 23 secondi dopo, Sointu vengono puniti, ma anche in 3 contro 5 i biancorossi reggono fino alla seconda sirena.

Il PK del Bolzano annulla definitivamente la superiorità numerica avversaria all’inizio dell’ultimo drittel, poi i Foxes sprecano un’altra superiorità numerica e, al 44:54, vengono puniti da Lebler che capitalizza al meglio un veloce contropiede innescato da Kristler, portato avanti da Locke che serve il gigante con il numero 7 il quale fulmina Tuokkola. Passano poco meno di 2 minuti e, al 46:41, il Bolzano trova il pari in maniera rocambolesca con Matias Sointu, anche lui alla prima rete con il Bolzano; nell’occasione il Linz protesta per uomo in area, ma gli arbitri concedono comunque la rete.

Il Bolzano pare volare e colleziona occasioni sprecate e viene ancora una volta punito, al 57:05, da Dan DaSilva che come un falco piomba sul rebound concesso da Tuokkola sul tiro di Lebler ed insacca con la difesa dei padroni di casa a fare da spettatore.

Al 58:20, coach Suikkanen vuole provare ad approfittare della penalità presa da Lebler per bastone alto e richiama in panca Tuokkola, ma l’assedio finale dei biancorossi resta senza successo, così l’ultima sirena vede gli ospiti festeggiare la vittoria, mentre al Bolzano (uscito fra gli applausi convinti dei 3030 spettatori del Palaonda) resta l’amaro in bocca per una partita che forse, con un pizzico di cinismo e di fortuna in più, avrebbe portato sicuramente a casa.

I biancorossi adesso sono attesi dalla doppia trasferta di Szekesfehervar (sabato) e Zagabria (domenica) e torneranno sul ghiaccio amico del Palaonda martedì 19 dicembre contro gli ungheresi; sperando che la ruota della fortuna comincia a girare nel verso giusto.

Riccardo Giuriato

HCB-EWL 3-4 (2-1; 0-1; 1-2): 03:58 Fabio Hofer (0-1); 13:08 Mike ANGELIDIS (1-1); 14:59 Angelo MICELI PP1 (2-1); 24:20 Dan DaSilva (2-2); 44:54 Brian Lebler (2-3); 46:41 Matias SOINTU (3-3); 57:05 Dan DaSilva (3-4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *