Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

Bonazza (CPI): Vigili pronti a multare gli esercizi commerciali ma ciechi su vicini bivacchi abusivi

Foto: Luca Bocchin
Foto: Luca Bocchin

BOLZANO – “Ieri sera (26 agosto) dopo la partita dell’Hockey Bolzano sono andato a bere qualcosa in un locale di corso Libertà. Alle una di notte è arrivata una pattuglia di vigili urbani che si è piazzata davanti al locale per controllare che alle ore 1:30 i pub fossero realmente chiusi.

Fin qui niente di strano, o quasi… considerando infatti che le serate di corso Libertà sono sempre nell’occhio del ciclone comunale nonostante il comportamento educato della stragrande maggioranza dei suoi avventori.

Lo stesso però non si può dire di altri “avventori” della zona, ovvero il gruppo di barboni dell’Est che di giorno molesta i passanti e occupa abusivamente il parco di Piazza della Vittoria insozzandolo di immondizia, urinando e defecando davanti all’entrata del museo del Monumento, tutto ovviamente a vista di cittadini, turisti e bambini, e di sera bivaccano sotto il porticato di corso Libertà lasciando un odore nauseabondo e marchiando il territorio con i propri bisogni fisiologici davanti agli esercizi commerciali.

Allora mi son detto: qui dev’esserci un errore di fondo… come mai il comando dei vigili urbani si comporta da “cane da guardia” con cittadini e commercianti che lavorano duramente, offrono un servizio pubblico alla comunità e contribuiscono economicamente alla crescita della stessa, mentre, nonostante un ordinanza comunale che abbiamo preteso con forza, questi soggetti perditempo sono liberi di bivaccare e fare quello che gli pare nelle zone di passaggio pubblico?

Ovviamente la risposta sono andato a chiederla direttamente alla pattuglia della Polizia municipale…

La vigilessa, non riconoscendomi e guardandomi i tatuaggi, mi ha risposto abbastanza stizzita affermando che il loro compito era di stare lì a controllare la chiusura dei locali e che, come loro facevano il loro lavoro, io avrei dovuto fare il mio non preoccupandomi di quanto stava avvenendo…

Allora, giunti a questo punto, mi sono qualificato anch’io per il mio ruolo presentandomi come “consigliere comunale Andrea Bonazza” e, facendo il mio lavoro, ho preteso che dopo aver passato mezz’ora chiusi in macchina a vigilare sull’operato dei commercianti, si recassero subito a sgomberare l’accampamento abusivo dei senzatetto.

Mostrando un po’ di imbarazzo e cambiando il tono, la dipendente comunale mi ha chiesto su quali basi avrebbe dovuto procedere allo sgombero.

Detto fatto: leggendo agli agenti l’ordinanza del Comune di Bolzano del 10.7.2017 che cita testualmente: “Divieto di insediamento abusivo nelle aree verdi pubbliche o private e nelle aree pubbliche ad uso pubblico o esposte a pubblico passaggio”, e ricordando loro che devono adempiere alle loro funzioni, ho insistito una seconda volta affinché lo sgombero avesse immediatamente luogo e che sarei rimasto a controllare il loro operato come loro hanno fatto fino a quel momento controllando quello dei commercianti del corso.

Dopo aver contattato i propri responsabili in centrale, la pattuglia dei vigili si è diretta subito ad effettuare lo sgombero dell’insediamento abusivo dei clochard.

Per la prima volta, dopo non essere stato ascoltato da cittadino, ho usato la “carta” del mio ruolo da consigliere comunale ed effettivamente ho visto una vergognosa disparità di trattamento verso la mia persona e verso l’intervento che, da cittadino, avevo preteso.

Bene, d’ora in avanti, in corso Libertà, vedrò di essere molto più presente per fare il MIO lavoro e per controllare che anche la Polizia Municipale faccia regolarmente il suo! magari senza discriminazioni tra lavoratori italiani e stranieri nullafacenti”.

Andrea Bonazza
Consigliere comunale
CasaPound Bolzano

5 pensieri riguardo “Bonazza (CPI): Vigili pronti a multare gli esercizi commerciali ma ciechi su vicini bivacchi abusivi

  • 28 agosto 2017 in 15:44
    Permalink

    Sto Bonazza mi piace sempre più.
    E pure il suo movimento di Casapound.

    Risposta
  • 29 agosto 2017 in 9:09
    Permalink

    Ne tu ne tuo partito hanno la mia stima o simpatia!
    In questo caso comunque devo farti i complimenti: semplicemente vergognoso come certi vigili urbani si comportano con i contribuenti, cittadini che contribuiscono a pagare gli stipendi a detti vigili e vengono puntualmente maltrattati!
    1:0 per te Bonazza

    Risposta
  • 29 agosto 2017 in 11:05
    Permalink

    Comprendo come il fare politica voglia dire ricerca di consenso. Ma questo non quadra quando lo si fa alle spalle di chi fa il proprio mestiere. Gli agenti di Polizia Municipale, in particolare quelli del Nucleo Operativo, a cui appartiene anche la agente in questione, sono impegnati quotidianamente ad applicare l’ordinanza di divieto di bivacco, che dunque conoscono perfettamente, e puntualmente procedono a sgomberi ed a far ripulire i siti. Che poi la stessa si sia fatta “condizionare”dal fatto che il cittadino si sia identificato quale consigliere comunale( per la serie “lei non sa chi sono io?”) è solo una supposizione: si sappia infatti che di interventi similari ne facciamo a decine, anche su segnalazione dei nostri concittadini. Oltre a questo controlliamo anche gli esercizi pubblici , nel rispetto delle norme vigenti e SENZA VESSARE NESSUNO, ma per salvaguardare la quiete dei tanti bolzanini che ci chiedono di essere tutelati.
    Sergio Ronchetti Comandante Polizia Municipale

    Risposta
  • 29 agosto 2017 in 17:32
    Permalink

    Bravo Andrea ci conosciamo da una vita ma mi sorprendi sempre più per la tua presenza nella vita di tutti i giorni della nostra amata città. Questo vuol dire essere cresciuti sulla strada in mezzo ai problemi reali.

    Risposta
  • 29 agosto 2017 in 19:06
    Permalink

    Congratulazioni! mi dispiace solo che sei stato ascoltato come consigliere e non come cittadino. Continua così

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *