Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

Barcellona, nel mirino anche la Sagara Familia

barca BARCELLONA – Un canale della piattaforma Telegram legato all’Isis indica l’Italia come prossimo obiettivo. Lo riferisce il Site, il sito Usa diretto da Rita Katz di monitoraggio dell’estremismo islamico sul web.

Intanto, oltre 48 ore dopo l’attacco sulla rambla, a Barcellona sono nel vivo le indagini per ricostruire l’accaduto e risalire ai responsabili. Le ultime notizie che giungono dalla Spagna è che il piano iniziale della cellula jihadista che ha colpito giovedì sulla Rambla prevedeva un attacco con tre furgoni carichi di esplosivo Tatp e bombole di gas per distruggere la Sagrada Familia, il celeberrimo tempio di Antoni Gaudì simbolo di Barcellona, scrive El Confidencial citando fonti delle indagini.  I jihadisti hanno dovuto rinunciare al loro ‘piano A’ e ripiegare in tutta fretta sugli attacchi alla Rambla e a Cambrils dopo che mercoledì notte un’esplosione probabilmente provocata da un errore nella manipolazione degli ordigni ha distrutto il covo di Alcanar. Il piano iniziale prevedeva la preparazione nella base operativa di “enormi quantità” di Tapt, l’esplosivo dell’Isis detto anche “la madre di Satana” per la sua alta instabilità, nella base di Alcanar, che sarebbero state poi caricate sui tre furgoni noleggiati dal gruppo. L’obiettivo era “fare saltare in aria” il tempio emblematico di Gaudi, visitato ogni giorno da migliaia di turisti. Un atto che avrebbe avuto un’onda d’urto enorme in tutto il mondo. I preparativi per l’attentato erano nella fase conclusiva secondo le fonti citate da El Confidencial quando il covo è esploso. Fra le macerie sono stati ritrovati i resti di due persone.

L’autista del furgone che ha falciato e ucciso 14 persone potrebbe essere ancora vivo e in fuga in Francia. Le forze dell’ordine stanno dando la caccia a Younes Abouyaaqoub, il giovane che ora gli inquirenti hanno identificato come l’autista-killer. Gli altri 4 terroristi ricercati per la strage, tra cui Moussa Oukabir, 17 anni, sono stati uccisi dalla polizia catalana con un quinto terrorista a Cambrils

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *