Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

Meteo, prevista un’estate instabile tra temporali e caldo soffocante

sole1ROMA – L’estate 2017? Si preannuncia calda, anzi caldissima. Anche se è ancora presto per fare una previsione certa, gli esperti tracciano tuttavia una linea di tendenza sulla prossima stagione analizzando alcuni “segnali” provenienti da zone molto distanti dall’Europa. I parametri di analisi più importanti presi in esame sono l’andamento dell’indice ENSO, ossia l’andamento delle temperature superficiali del settore oceanico-pacifico equatoriale, nonché le possibili ondulazione prevalenti rispettivamente del getto sub-polare e di quello sub-tropicale. Arriva quindi el Nino? Probabile. “Ciò – spiegano gli analisti – è deducibile dalla proiezione generica ensembles, quella, cioè, desunta dal calcolo di diversi centri matematici e da una loro valutazione d’insieme”. Insomma, estate 2017 all’insegna del Niño, a cui, statisticamente, sono associate ondate di calore spesso consistenti. “Si tratterebbe – spiegano gli esperti – di un Nino non particolarmente proclamato, come accorso dell’estate 2015, pur tuttavia di buona consistenza, per cui riteniamo abbastanza probabile che il fronte caldo subtropicale possa invadere frequentemente il Mediterraneo centrale e l’Italia, portando ondate di calore importanti”. “Le ondate di caldo più intense potrebbero riguardare le regioni meridionali, ma un po’ tutto il Paese ne risentirebbe con buona consistenza”.

In sintesi, una prossima estate 2017 all’insegna di frequenti puntate, sul territorio italiano, dell’anticiclone Caronte, traghettatore di aria molto calda sahariana, ma di una possibile non eccessiva continuità di questa azione. Il clima non sarà però sempre infuocato. “Di tanto in tanto, potranno esserci delle interruzioni temporalesche ad opera di improvvise incursioni di nuclei instabili di matrice nordeuropea”.

Martina Capovin

m.capovin@ilgiornoaltoadige.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *