Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

Omicidio di Corso Libertà: chiesti 24 anni per Ester Quici

Ester-Quici3BOLZANO – La richiesta del pubblico ministero Daniela Pol è chiara: 24 anni di condanna per Ester Quici, rea di aver ucciso il compagno Alessandro Heuschreck durante una lite, nel marzo 2015,

La donna, 34enne madre di tre figli, è accusata di aver colpito l’uomo con 14 coltellate. Da giorno del presunto omicidio, la Quici ha sempre sostenuto di non aver accoltellato il compagno ma che sarebbe stato lo stesso Heuschreck a colpirsi ripetutamente. La ricostruzione dei Ris avrebbe difatti confermato la versione di Ester Quici, mentre il pubblico ministero sostiene la sua colpevolezza a causa di alcuni comportamenti tenuti dalla stessa subito dopo l’accaduto. Invece di soccorrere il compagno, la donna avrebbe infatti pensato subito a pulire il coltello e riporlo nel cassetto e a pulire le macchie di sangue in casa, in modo da avvalorare la sua tesi, ovvero che Heuschreck sarebbe arrivato a casa già ferito. Contro la donna, anche le dichiarazioni dei figli, ai quali avrebbe chiesto di confermare le sue tesi, e gli sms inviati al compagno, nel quale lo minacciava di morte.

Il 24 febbraio è in programma l’arringa della difesa l’avvocato Beniamino Migliucci. In seguito è attesa la sentenza della Corte d’Assise.

Martina Capovin

m.capovin@ilgiornoaltoadige.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *