Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

Giovannetti (AA nel cuore): “bene protoccollo d’intesa sui rifiuti, ma ora giù le tariffe”

Gabriele GiovannettiBOLZANO –  Il Sindaco Renzo Caramaschi, come autorizzato dalla delibera di Giunta nr. 704 del 5.12.2016, ha firmato il protocollo d’intesa per un utilizzo sostenibile del l’impianto di termovalorizzazione di Bolzano che disciplina i rapporti tra Comune e Provincia di Bolzano in merito alla possibilità di smaltimento di rifiuti urbani – stimato tra le 15 e le 20.000 tonnellate annue – provenienti dalla vicina provincia di Trento, al fine di far meglio funzionare il termovalorizzatore, con una maggiorazione delle entrate per il Comune da poter utilizzare per finanziare misure di potenziamento delle politiche ambientali della Città.
“Ora che il protocollo è stato firmato però, che scendano le tariffe” commenta Gabriele Giovannetti, Consigliere Comunale di “Alto Adige nel cuore”.
“Sarebbe stato assurdo arrivare ad una chiusura di una struttura costata milioni e milioni di euro solamente perché chi aveva partecipato a suo tempo alla decisione di espansione dell’impianto, adesso ha cambiato idea.
Nonostante l’indennità pattuita per ogni tonnellata di rifiuti importata sia decisamente bassa rispetto alle potenzialità bisogna riconoscere  che così facendo il comune potrà accedere a un nuovo tesoretto di risorse finanziarie.
Sarà inevitabile che il capoluogo, ricevendo un carico di rifiuti maggiorato, ne risentirà nella qualità dell’aria.
È quindi necessario prevedere un’importante contropartita per i cittadini indirizzando le risorse aggiunte a un’ulteriore riduzione sulle tariffe dei rifiuti.
Sarebbe una boccata d’aria fresca, metaforicamente parlando, iniziare l’anno con la prospettiva di un risparmio su questa pesante tassa comunale.
Oltre a questo bisognerà sempre tenere alta la guardia garantendo un monitoraggio serio e costante dell’aria, allertando e provvedendo di conseguenza qualora il livello raggiungesse punti di pericolo per la salute delle persone”.

Martina Capovin

m.capovin@ilgiornoaltoadige.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *