Il presente articolo è rilasciato sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License" (CC BY-NC-ND 3.0 IT).

#EBEL: L’HCB sbaglia troppo e viene punito dal Dornbirn per 3-1!

Il Bolzano scende sull’ostico ghiaccio di Dornbirn alla ricerca dei punti necessari per l’accesso diretto ai playoff, ma il DEC torna ad essere la bestia nera dei Foxes e si impone per 3-1, rinviando l’approdo diretto alla post season ai Foxes che, ora, dovranno espugnare il ghiaccio di Fehevar per essere matematicamente sicuri dell’accesso ai play off.

L’inizio del match è sostanzialmente equilibrato, entrambe le squadre cercano ma non trovano il gol del vantaggio; il Bolzano va quasi subito in inferiorità numerica (out Metropolit), ma si difende bene e non concede grosse occasioni ai bulldogs. Tocca poi a Gellert andare in panca puniti, ma anche questa volta il pk dei Foxes regge bene ed il Dornbirn resta con le pive nel sacco; tocca poi ai biancorossi , tornati in parità numerica, rendersi pericolosi in due occasioni con Reid: sulla prima il giocatore canadese, servito da dietro la porta da Oleksuk trova Hardy pronto alla parata; sulla seconda opportunità, il numero 15 del Bolzano si trova da solo davanti al portiere avversario ma non riesce a bucarlo, così la prima frazione va in archivio sullo 0-0.

Gli ospiti cominciano la seconda frazione con un uomo in più, ma il powerplay del Bolzano denuncia le ormai croniche difficoltà ed il Dornbirn torna in parità numerica senza aver corso grossi pericoli. Le due squadre giocano aperte, ma a passare in vantaggio sono i bulldogs: McBride vede un “taglio” di Cody Sylvester e lo serve; per il numero 16 del Dornbirn è facile battere Melichercik. I Foxes ci provano ancora una volta con l’uomo in più, ma nonostante diverse occasioni, non riescono a pareggiare; “gol sbagliato, gol subito” dice una legge non scritta dello sport, ed infatti il Dornbirn raddoppia: Pan trova Macierzynski che prima tira addosso a Melichercik, poi è rapido ad insaccare sul rebound concesso dal portiere slovacco. Siccome non c’è due senza tre, i padroni di casa calano addirittura il tris con l’uomo in meno: Magnan va in panca puniti, Dustin Sylvester se ne va in contropiede, aiutato da un grossolano errore di Ryan Glenn, ed insacca ribadendo in rete il disco respinto da Melichercik e la seconda sirena vede i bulldogs avanti di tre reti.

Si apre subito male la terza frazione per i Foxes, costretti con l’uomo in meno per una penalità fischiata a capitan Egger, ma il penalty-killing del Bolzano impedisce ulteriori marcature avversarie; tocca poi ai padroni di casa giocare con l’uomo in meno, ma i biancorossi collezionano il 21mo powerplay consecutivo senza reti e, tornati gli avversari in parità numerica, tocca a Melichercik bloccare una pericolosa conclusione avversaria. Il Bolzano cerca con forza almeno il gol della bandiera, ma la porta di Florian Hardy pare stregata e a nulla valgono i tentativi di un Brodie Reid scatenato. Il Dornbirn gioca con l’orologio e cerca di approfittare della penalità fischiata a Palmieri, ma Melichercik si supera ed impedisce altre marcature avversarie. In pieno “garbage time” Arniel va in panca puniti e Ryan Glenn trova il gol della bandiera. Coach Pokel prova a togliere Melichercik per il sesto uomo di movimento, ma il risultato non cambia più e l’ultima sirena vede il Dornbirn vincere sui Foxes per 3-1.

Riccardo Giuriato

DEC-HCB 3-1 (0-0; 3-0; 0-1):  24:51 Cody Sylvester (1-0); 35:00 Kevin Macierzynski (2-0); 37:55 Dustin Sylvester SH1 (3-0); 57:58 Ryan Glenn PP1 (3-1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *